sabato 22 aprile 2017

Altro giro di giostra



E' fatta anche questa e lo scrivo davvero non con sollievo, tutto al contrario, con sofferenza, non di quelle quasi finte, esagerate, ma una sofferenza intima, silenziosa, da "Signore come era suo costume", come ha ben descritto un mio caro amico, anche lui suo allievo, anzi, forse uno degli allievi se non il primo, veri, del nostro Maestro: Roberto!
E' fatta perché a questo traguardo arriviamo tutti, chi prima e chi dopo, maè l'unica vera certezza della nostra esistenza.
Lo sapevo, me lo sentivo, non ci voleva un profeta o un oracolo, stava arrivando: l'epilogo.
L'avevo sentito per telefono, o "per BF", come usa dire fra noi, Radioamatori, non di quelli che ora usano comprare e utilizzare apparati fatti da altri, bensì di quelli che si sono formati in tempi diversi
Non migliori né peggiori, ma di sicuro diversi.

Non è questo quello che rimane. 

Rimane, invece, un mazzo di ricordi e di sostanza, rimane la mia stessa esistenza professionale, e chi sa anche di uomo, perché Roberto, senza certo volerlo, senza credo saperlo, o non so se poi veramente senza..., di sicuro, ha lasciato un impronta su di me, sul mio essere e crescere, e quindi anche su quel che ora sono.


Arrivai da lui a Via Novara, di fronte alla Biblioteca Comunale dove avevo conosciuto o avrei conosciuto,  il  Radio-Libro del Ravalico, come anche i libri di Solgenitsin. 
Avevo 15 anni! Era il 1971! 
Una vita fa!

Avevo un VFO Geloso G4/102 che non riuscivo a far funzionare. Era il partitore resistivo, che distribuisce le varie tensioni, e che avevo sbagliato credo solo in alcune saldature, tant'è che in 10' Lui lo sistemò,  appunto, rifacendo alcune saldature. 
Non c'era niente di rotto.
UNA COSA però imparai da subito (e ne sarebbero seguite miliardi): prima controllare, ragionare, rivedere, rileggere, RAGIONARE, usare la testa, e POI, DOPO, accendere e provare.
E se hai ragionato bene, in generale funziona.

Quella lezione, apparentemente ovvia e banale eppure preziosa come un diamante, mi ha lasciato un impronta di fuoco, come "la mano del diavolo" alla Montagna Spaccata a Gaeta.

Usare la testa, ragionare, usare ciò che ci è stato donato!

Roberto mi diede anche un'altra lezione che sarebbe stata una delle altre poche basilari: non volle nulla
Ham Spirit! 
Quello vero!
Aveva davanti 'sto ragazzino quasi coi pantaloni corti, che però aveva una voglia matta di imparare, e costruire e che non aveva ovviamente soldi, e l'Ham Spirit era più che spontaneo!
Roberto mi mostrò qualcosa di ciò che aveva fatto lui, e per me fu come stare al centro della Nasa a Houston! Ed era fatto tutto da lui, con le sue mani!

Seguirono anni, ma da quel giorno io decisi che avrei seguito quella strada!

Quello determinò la mia vita. Ero studente della IV ginnasio al Liceo Giulio cesare, poco lontano da casa sua, a Corso Trieste, ma dentro decisi che sarei andato a fare Ingegneria! ..Elettronica!

E così fu!

Gli anni seguirono , io davo sempre del "Lei" a lui, al Maestro, a quel faro irraggiungibile eppure così semplice e "normale" che non riuscivo proprio a dargli del "tu". Sarei stato a disagio in radio a dargli del tu.
Lui insisteva, dovevo riuscirci, poi rinunciò, per il momento, con la pazienza di saper aspettare.


Poi dopo il 1981, quando mi laureai me lo disse: "Ora sei ingegnere anche tu, ora mi devi dare del tu!"
Ma io manco per sogno, lui era Lui, era irraggiungibile, io ero laureato, ma lui era Ingegnere, troppo ....per dargli del tu.

Passarono tanti anni e costruii tante cose, costruii me stesso e la mia branca, la ricezione (a stato solido) e i problemi dei ricevitori, che mi appassionò nel periodo 1975 -1995, complici letture e studi su riviste come "CQ Magazine", Radio Rivista dell'epoca (non davvero quelle seguenti), QST, Radio Amateur's Handbook a il libro "Low Band antennas" di ON4UN e tanti altri come "Solid State Design for Amateur Radio" e così via.

Roberto era là, ci si vedeva e sentiva, quando avevo uno scoglio c'era lui!


Poi arrivò un giorno in cui ebbe lui bisogno di me. 
CHIESE, mi telefonò a casa. 
Dio aveva bussato alla mia porta e mi chiedeva un aiuto.
Fu una svolta: capii che avevo anche io qualcosa da donargli, da dare a lui per restituire quei doni preziosi che avevo ricevuto e se non ricambiare in pieno, per lo meno, esercitare la  gratitudine.

Forse allora, verso il 1985/90 riuscii ad iniziare a dargli del "tu".

E poi la vita continuò, ma l'impronta rimase e rimane anche oggi.

Oggi non concepisco di avere un apparato in cui non possa mettere almeno le mani se fatto da altri. Quelli in cui non riuscivo a farlo li ho dati via, nell'incredulità e nelle rimostranze di chi ho vicino, come radioamatori, ma io so il perché.
Oggi ho acquisito una pazienza che ricordo nel rifare anche mille volte un gesto o una misura o nell'avvitare una vita che cade, che avevo imparato dal rubare con gli occhi da quella continua Università di vita che era I0BLA.

Abbiamo anche passato del tempo solo a parlare, seduti davanti alle sue radio, ma senza avere problemi elettronici da risolvere, solo per il piacere di discorrere e scambiarci idee, opinioni, qualcosa che fra umani è importante, scambiarci Amicizia, rispetto, stima, valori e non cose materiali.

Roberto è rimasto ed è Il Riferimento del mio essere Radioamatore e anche ingegnere, ed io sono grato alla Vita o chi per lei, per avere avuto questo immenso dono prezioso, qualcosa di incomparabile.

Circa due  anni fa mi capitò di avere un intenso scambio prima di email, poi di telefonate, poi di amicizia, con Adolfo IK1DQW, che guarda caso mi dava del "lei" e addirittura mi chiamava "ingegnere". Per lui era normale dopo una vita trascorsa in ambiti industriali, ed io mi sentivo indegno e a disagio, forse come era stato a suo tempo per il BLA.
E dentro me sorridevo nell'ossevare come la vita è veramente una giostra, come scriveva Terzani.

Bla è passato sulla terra, per me e per il mio amico Carlo, I0DXX che era di due  anni più giovane di me e che quando veniva anche lui dal BLA, Roberto era scherzosamente ma affettuosamente: "Dinamite BLA"....


E lo dicevamo con un affetto che mai avrebbe voluto mancargli di rispetto e mai lo ha fatto.
Dinamite Bla era per noi la via, la luce, tutte quelle cose che poi, nel resto della tua vita rimangono scolpite.
Il mio amico Joe, citato all'inizio parla di "secondo padre", l'immagine calza molto.  Credo che noi umani tentiamo sempre (e cito ancora Terzani) di usare le parole per descrivere sentimenti e cose  non materiali e non riusciamo mai a trovare, appunto, le parolee giuste, non troppo. Perché le parole non ci sono, non si più ridurre un sentimento solo a parole, a una descrizone, il sentimento, il cuore, quello che viviamo, è molto, molto più...diverso...

BLA è BLA!  BLA non "è stato" lo è ancora e lo sarà in noi, in Joe, in Fab, in tutti quelli che hanno avuto a che fare "in un certo modo" col BLA, lo sarà in me. Ognuno porta la sua parte, la sua immagine, il suo ologramma del BLA e questo, commuove anche nello  scriverlo, ma è un dono immenso, direi UNICO. 
Avere questa percezione è una grande fortuna, non un merito: io ho solo messo parole in fila.

AR SK

1 commento:

Anonimo ha detto...

Ciao Sandro,
mi sembra quasi di profanare questo post su Roberto BLA, per il quale mi unisco a te nel bellissimo ricordo, ma sfrutto questo veicolo per ricontattarti.
Non sapevo come farlo. Scrivimi su questa mail: carlo.dangelo-1958@poste.it
...ne abbiamo di decenni da raccontarci.....

Carlo

P.S.: ma come ci sei finito a Pontremoli?